Grattachecca romana e lamponi.

Ehi bentornato!
siamo già agli ultimi giorni di luglio ed è ora che ti spieghi i procedimenti per preparare il dolce simbolo dell’estate romana, la Grattachecca.
Con l’arrivo dei primi caldi nella capitale e in provincia aprono i chioschi (alcuni hanno quasi un secolo di attività alle spalle) e finalmente è possibile gustare un rinfrescante bicchiere di questa delizia.
la Grattachecca è stata creata per la prima volta all’inizio del secolo scorso e deve il suo nome all’azione di “grattare la checca”, cioè grattare quel blocco di ghiaccio, la checca appunto, che all’epoca veniva usata per conservare freschi gli alimenti quando ancora non erano stati inventati i frigoriferi.

Prima che tu possa pensare che la grattachecca sia una granita, ti dico subito che non è così: mentre nella granita acqua e sciroppi vengono mescolati insieme e poi messi a congelare, nella ricetta romana il ghiaccio viene grattato con un apposito raschietto (che per comodità è provvisto di una camera vuota posteriore dove accumularlo) e poi viene insaporito con succhi di frutta, mix di sciroppi e pezzetti di frutta fresca a piacimento. Il bello della grattachecca è proprio la discontinuità del sapore tra la superficie dei cristalli di ghiaccio e il loro interno!
Ricordo bene le serate trascorse con gli amici, gustandone un bicchierone seduto sulle scalinate che conducono alla Loggia del Palazzo dei Papi, nella piazza di San Lorenzo di Viterbo, oppure quando a prepararla era la mia nonna, con e lo sciroppo di melagrana fatto in casa e i lamponi maturati nell’orto di casa al caldo del sole di fine luglio.
Il procedimento è facilissimo, e a te basterà sostituire raschietto del ghiaccio con il frullatore di casa! Buon appetito!

gratt

GRATTACHECCA

Ingredienti per 2 persone

30 cubetti di ghiaccio

2 cucchiai di zucchero

8 fragole

1 pesca

10 lamponi

sciroppo di melograno (granatina)

 

Preparazione

Togli il ghiaccio dal freezer e lascia che si scaldi per qualche minuto; quindi mettilo in un mixer insieme allo zucchero e tritalo per un minuto (riscalda un po’ il ghiaccio dopo averlo estratto dal freezer, la vera grattachecca si ottiene raschiando il ghiaccio a poco meno di 0°). Disponi il ghiaccio in bicchieri alti e guarnirlo con la frutta lavata e tagliata. Irrora con abbondante succo di melograno.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...