Natale “a casa”… a ottomila chilometri di distanza!

Ci sono delle volte che a Miami mi sento uno di casa: quando passeggio per le vie nelle zone che ormai conosco così bene da poter girare ad occhi chiusi (meglio di no però… con tutto il traffico che c’è rischierei grosso!) o quando guardo le vetrine dei negozi e dei bar e so già, a quell’ora, che tipo di clienti troverò al loro interno. Sarà merito della mia esperienza come oste, sarà sesto senso… non saprei, ma non mi sbaglio mai!

Poi però entro nella mia cucina e, soprattutto nei periodi dell’anno come questo, mi dico: “Ah matto! Tu americano??? Ma dove, che appena senti il profumo di cacio e pepe non ce stai a capì più niente”.

Comunque anche quest’anno il giorno di Natale lo festeggio oltre oceano. Che poi sai, quello che cambia è solo il posto perché io lo passo con mia moglie, i bambini (per loro questo è il primo Natale, mi emoziono al pensiero!) e il resto della famiglia. Siamo una famiglia romana e quindi avremo, come da tradizione, un buon pranzo romano.

Sono giorni interi che sto a pensa’ al menù, sai? Deve essere qualcosa che mi faccia venire subito in mente la mia infanzia, gli anni che ho passato a Roma, perché non è Natale senza i sapori e i profumi di casa.

Che dici? Vuoi sapere se ho già deciso i piatti? Non ancora… però di sicuro quest’anno cucino la Coratella; rigorosamente di agnello, come la fa la mamma mia!

Ti lascio la ricetta, buon Natale!

CORATELLA DI AGNELLO

Devi tagliare in piccoli pezzi, separatamente, il polmone, il cuore, il fegato e le budelline da latte dell’agnello.

Fai sciogliere in una padella un cucchiaio di strutto e poi aggiungi polmone e budelline. Lasci cuocere a fuoco vivo per qualche minuto, fino a quando il polmone si sarà rosolato e avrà mandato il caratteristico fischio; a questo punto aggiungi il cuore e lasci cuocere ancora un po’.

Condisci con sale e pepe e, quando tutto avrà raggiunto un bel colorito scuro, aggiungi il fegato. Condisci ancora e mescola per pochi minuti, il tempo che il fegato cuocia.

A questo punto aggiungi due dita di marsala, porti ad ebollizione un’ultima volta e servi la coratella caldissima.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...